Werner Segarra
Vai alla panoramica
Vai alla panoramica

Mi Herencia

Werner Segarra è un felice utente Phase One da diversi anni. Abbiamo chiesto a Werner di condividere con noi alcune delle sue immagini e di raccontarci qualcosa sui suoi progetti personali. Ha scelto di condividere il suo progetto Mi Herencia. Questo progetto è nato quando una rivista portoricana ha chiesto a Werner di realizzare un editoriale di moda. Gli è stata offerta carta bianca e lui ha deciso di utilizzare le sue radici portoricane, realizzando un progetto fine art focalizzato sul suo personale patrimonio culturale. Con l'aiuto dello stilista di alta moda David Antonio, è stato possibile creare un meraviglioso editoriale, che ha ricevuto un feedback positivissimo. Questo è il racconto di Werner ed il risultato finale dell'avventura alla scoperta del suo patrimonio culturale.

 

Innanzitutto, potresti raccontarci qualcosa su di te come fotografo, da dove hai iniziato e come sei giunto al progetto Mi Herencia?

Ho scoperto la mia passione per la fotografia molto presto. Mio padre ha sempre praticato la fotografia come hobby. Avevo soli 10 anni e vivevo in Arabia Saudita, quando ha cominciato ad insegnarmi le basi per creare uno scatto, così come il processo alla base dello sviluppo della pellicola in bianco e nero. Ho studiato fotografia presso l'Istituto d'Arte di Philadelphia, per poi spostarmi sull'isola di Porto Rico, dov'erano le mie radici, e lì ho iniziato a lavorare a tempo pieno come fotografo pubblicitario. Ho realizzato molti editoriali per alcune delle migliori riviste di moda dell'isola. Ora vivo a
Phoenix, in Arizona e mi sto specializzando, tra altre cose, in fotografia di architettura e design di interni.
 
Il progetto Mi Herencia è nato per orgoglio, fiducia e arte. Due anni fa, prima di un viaggio per Porto Rico, ho contattato una mia buona amica, Patricia de la Torre, direttrice di Caras Magazine, per avvisarla che stavo per arrivare. Mi ha subito chiesto di realizzare un servizio per la rivista, carta bianca, dato che ha fiducia nel mio lavoro.  
 
Questo è stato il momento in cui mi sono immaginato di realizzare qualcosa collegato alla mia terra, alle mie persone e ad un'importante parte del nostro patrimonio, l'industria del caffè (il caffè portoricano era considerato uno dei migliori al mondo durante il 19° Secolo e all'inizio del 20°) - ed è così che è nato Mi Herencia (Il mio Patrimonio).  
 
Ho convinto uno dei migliori stilisti di alta moda di Porto Rico, David Antonio, che è anche uno dei miei migliori amici, a collaborare con me per trasformare il concetto in realtà. Il suo è stato un contributo fondamentale per il mio progetto, dal momento che ha diseganto tutti i capi di abbigliamento utilizzati durante il servizio. È riuscito a creare delle opere d'arte che celebrano la nostra cultura senza sembrare costumi di un'altra era, molto attuali. La rivista è rimasta molto soddisfatta per il servizio e anche noi lo siamo.
 
Ho presentato il lavoro presso la Gebert Contemporary Art Gallery qui a Phoenix. Sono felice di poter dire che si è trattato di un vero successo e la risposta alle immagini è stata schiacciante. Quindi quest'anno sono tornato per aggiungere qualcosa al progetto e mi aspetto che sia pronto per la fine del 2013, sperando di poterlo esibire in più luoghi.

Quale attrezzatura tecnica avete utilizzato per il eseguire il servizio e potresti spendere qualche frase sulla post produzione?

Come attrezzatura tecnica durante il servizio ho utilizzato una Phase One 645DF+ con dorso digitale IQ180 e le mie due ottiche preferite, un'ottica Phase One 45mm con otturatore a tendina ed un'ottica 55mm con otturatore centrale Schneider Kreuznach. Durante il servizio ero collegato in cablato ad un portatile, dotato di Capture One Pro. E per l'illuminazione, ho utilizzato una singola luce dura per tutto il servizio.  La maggior parte dei colori, del contrasto e della manipolazione li ho elaborati con Capture One Pro, con alcune piccole rifiniture eseguite con Photo Shop. Di solito, cerco di catturare la mia visione mentre acquisisco direttamente sul portatile con Capture One Pro.

Le immagini risultano agli occhi dello spettatore veramente affascinanti, potresti quindi raccontarci qualcosa sull'idea di base a queste immagini?

Mi Herencia si è evoluto come progetto Fine Art. Ciò che è iniziato come un servizio di moda, si è poi in realtà trasformato in un saggio fotografico, che celebra una parte della ricca cultura e dell'importante patrimonio di Porto Rico. I personaggi di  Mi Herencia fondono in un'unica storia, quattro segmenti della nostra società. Le due sorelle evidenziano quattro elementi culturali. Primo, l'importante ruolo della famiglia, come la principale istituzione sociale, secondo, la sussistenza di molte famiglie di Porto Rico - l'industria del caffè, terzo, il lutto ed il rispetto nei confronti della morte e per ultimo, il credo religioso e la spiritualità. Mediante queste immagini, il pubblico si confronta con un compendio visivo delle realtà e dei miti della cultura di Porto Rico.

Dove si è tenuto il servizio e come siete riusciti a far sentire a proprio agio la gente del posto di fronte alla fotocamera?

Abbiamo utilizzate diverse location per il servizio: le montagne, il cuore in cui si trova la zona agricola della produzione del caffè, la Capitale ed un Convento. Durante la ricerca delle location, effettuata con mio padre, ho incontrato i proprietari. Ero affascinato dal sapere chi fossero e cosa rappresentassero. Ho subito capito che li avrei voluti inserire all'interno della storia. Tutto ciò che avrebbero dovuto fare, sarebbe stato essere se stessi durante il servizio e per mia sorpresa, sono rimasti sempre tranquilli ed a loro agio per l'intera esperienza. L'atmosfera durante il servizio è risultata essere piacevole, rilassata e con poco stress. Tutti hanno compreso la mia visione ed io sono stato orgoglioso e volenteroso di aver potuto prendere parte a qualcosa che sarebbe diventato un omaggio a Porto Rico. 
Effettivamente, la sorpresa più grande durante il servizio è stata quella di vedere la volontà ed il divertimento delle suore del Convento durante le loro pose per il servizio. Sono state divertenti e giocose e tutto il pubblico si è messo a ridere. Per il loro entusiasmo mostrato durante il servizio e con grande rispetto per il lavoro di carità che effettuano, ho promesso di donare loro una parte dei proventi derivati dalle vendite di Mi Herencia. 

Ormai sei un utente Phase One da diversi anni, quali benefici hai tratto dal lavorare con noi? 

 Il mio partner Phase One di fiducia è Digital Fusion, di Culver City, in California. Il mio rappresentante è Chris Benes. Ciò che amo nel lavorare con Chris è che è sempre disponibile quando ho domande tecniche ed è venuto nel mio studio in Arizona durante varie occasioni, per aiutarmi a velocizzare il mio flusso di lavoro con il sistema fotocamera Phase One.  È grandioso poter lavorare con una persona reale e non solo con un'azienda. Chris personalizza l'intero processo. È il migliore venditore con cui io abbia dovuto avere a che fare.

Fotografo: Werner Segarra
Fotocamera: Phase One 645DF+
Dorso digitale: IQ180

Ulteriori info
Sistema fotocamera IQ180
Registrati per ricevere una Demo

Scopri di più su Werner Segarra
wernersegarra.com

TUTTE LE IMMAGINI © Werner Segarra

Werner Segarra IQ180
Werner Segarra IQ180
Werner Segarra IQ180
facebook share Condividi su Facebook
     
GALLERY IMAGES
"Through these images the audience is confronted with visual compendium of the realities and myths of Puerto Rico's culture."
W. Segarra
Please wait!