Jeffrey Totaro
Vai alla panoramica
Vai alla panoramica

Porta la tua fotografia al prossimo livello

Scarica il racconto (PDF)

Per quale progetto sono state acquisite queste immagini?

Tutte le immagini sono state realizzate per un cliente di Filadelfia. Si tratta di un grande studio di design, con architetti e designer di interni ed io mi sento molto fortunato di aver potuto fotografare entrambi i dipartimenti. Essendo un fotografo di architettura, il mio obbiettivo è quello di comunicare in modo chiaro, l'intento di un progetto di design, aggiungendo qualche sfumatura che renda le fotografie più interessanti allo spettatore. Quasi tutte le immagini che realizzo hanno un doppio scopo; promuovere il lavoro del cliente ed essere utilizzate nei concorsi a premi. I miei clienti spesso partecipano e vincono premi di design ed io sono felice di poter prendere parte al processo.

Quale attrezzatura hai utilizzato?

Di solito lavoro con due corpi Alpa (MAX e SWA) e 5 ottiche. Tutte queste immagini le ho acquisite con corpo Alpa MAX e con una Switar da 36mm e una Schneider XL Digitar da 47mm . Per gli esterni durante il crepuscolo, di solito allestisco tutto un'ora prima del tramonto e mi assicuro in tempo di avere accesso a tutti gli uffici e alle finestre e di saper gestire le persiane e l'illuminazione. Di norma apro tutti gli scuri come nell'immagine 1, ma nel caso dell'immagine 2, l'edificio è progettato in modo da abbassare gli scuri al tramonto, che vengono illuminati dall'esterno, in modo da creare un'aspetto uniforme per l'edificio durante la notte. Si tratta di un bel faro di luce lungo una meravigliosa stradina pedonale, presso l'Università della Pennsylvania.

La parte più difficile durante la realizzazione dell'immagine 2, è stato mantenere accese le luci in entrambi gli edifici. Si tratta di grandi edifici con uffici a Wilmington, DE, che seguono la pratica comune di utilizzare sensori particolari che riducano l'utilizzo del sistema di illuminazione. Ciò significa che per mantenere accese le luci, delle persone debbano continuare a correre per gli edifici, in modo da azionare i sensori di luce. Nel caso di questa immagine, abbiamo chiesto a 3 persone di correre su e giù per i vari piani, facendo mantenere le luci accese per 20 minuti di servizio.

I fotografi di interni necessitano sempre di molto tempo ed il nostro cliente ha preso il processo fotografico molto sul serio, aspetto che per me è molto importante. Per tutti questi casi, abbiamo programmato una strategia diversa, in grado di raccontare il progetto in modo unico. Una volta programmata una strategia, necessitiamo poi del tempo per allestire la scena con gli arredi e i sistemi di illuminazione. Io utilizzo i Profoto D1 da 1000 w/s (6 di questi) ed il mio scopo è sempre illuminare lo spazio, mai sovrailluminarlo. A volte ci capita di lavorare con delle luci fluorescenti, quindi utilizziamo i flash per adattarci al colore presente nello spazio. Io utilizzo un insieme di soft boxes, riflettori e grandi tessuti di seta in modo da catturare anche minime ombre. Mi capita di fotografare con le luci stroboscopiche e poi di nuovo senza, per poi combinare gli scatti durante la post produzione, ottenendo il meglio da più scatti.

Per le immagini di interni, fotografo sempre in cablato ad un portatile, in modo che i miei clienti possano vedere ciò che realizzo ed io possa analizzare la messa a fuoco e piccoli problemi che potrebbero insorgere. Per le immagini in esterno, decido di volta in volta se sia meglio lavorare in cablato o se acquisire su scheda di memoria. Con il dorso IQ260 è semplice per me valutare un'immagine sullo schermo LCD del dorso o collegato ad un iPad, che è addirittura meglio. Per lo scatto presso l'Università di Pennsylvania, volevamo due viste al crepuscolo durante la stessa notte, quindi ho posizionato entrambe le Alpa, spostando il dorso IQ260 fra le due. Ho scattato alcune immagini utilizzando la prima Alpa, poi spostando il dorso sulla seconda Alpa, ho scattato alcune immagini utilizzando la seconda vista, continuando con questa procedura, fino ad aver ottenuto lo scatto desiderato.

Quali aspettative ti eri posto e in che modo le ha soddisfatte il dorso IQ260?

Non sono un principiante del medio formato, quindi ero già abituato alla qualità che avrebbe potuto offrirmi il dorso IQ260. Ho già utilizzato il dorso digitale P45+ e prima un P25. Lo sviluppo della serie IQ ha portato il livello della qualità oltre le mie aspettative. Utilizzo tutte le nuove funzioni del dorso. La qualità di immagine è meravigliosa, dai colori al contrasto, fino ai dettagli delle ombre e la gamma dinamica. Utilizzo con molto piacere questo dorso e apprezzo il modo in cui posso utilizzare i file pronti all'uso.

Quali benefici ha apportato il dorso IQ260 alla tua fotografia, in termini di creatività e affari?

Giusto l'altro giorno, un cliente mi ha scritto, affermando di aver ricevuto delle immagini di una qualità mai vista prima. Credo che questa affermazione parli da sola! Quando i clienti notano la differenza, mi rendono felice, ma anche se non dovessero notarla, io continuo ad essere orgoglioso di poter fornire la migliore qualità di immagine possibile. Io ho sempre sostenuto, che non esiste problema non risolvibile con un sistema digitale del genere, ma ora, con i nuovi sviluppi, posso affermarlo ancora di più. L'aumento della gamma dinamica mi permette di fotografare le persone, affidandomi a pochi scatti, sapendo di avere l'immagine già in pugno. Migliori prestazioni degli ISO alti,  significano migliori scatti con persone che si muovono sulla scena. Lavorare con il corpo macchina DF+ mi offre maggiore flessibilità durante gli scatti a mano libera. Il Wi-Fi, è grandioso! Durante un recente servizio a Wilmington ricordo di aver passato il mio iPad al mio cliente, per mostrargli gli scatti istantaneamente. E ogni volta che posizioni gli arredi esterni, porto con me il mio iPad per analizzare subito la composizione. Secondo me è cool e produttivo! Ed il Wi-Fi funziona anche in modalità cablata, quindi quando acquisisco collegato al mio portatile, i miei assistenti ed i miei clienti possono utilizzare un iPad per partecipare attivamente al servizio.

Se ti chiedessimo di sottolineare una funzione del nuovo dorso digitale IQ2, quale sarebbe e per quale motivo?

Potrei scegliere più funzioni, ma quella che preferisco è il Live View sul dorso IQ260. Spesso compongo immagini ad una prospettiva. Ciò avviene quando la fotocamera è posizionata dritta di fronte all'oggetto da fotografare, come nel caso della vista al crepuscolo nell'immagine 1 o nel caso degli interni rossi e le sedie rosse presenti nell'immagine 3. Utilizzando la funzione Live View e scegliendo la griglia dal LCD ho modo di avere posizionata correttamente e in modo veloce la mia fotocamera, essendo certo di averla centrata e dritta. In questo modo posso girarci intorno e provare vari scatti che ho in mente. Non ero preparato però alla possibilità di utilizzare Live View anche con la fotocamera cablata ad un portatile. Si tratta di una funzione molto interessante, dato che mi permette di ottenere il meglio da entrambi i modi di acquisire, cablato per un'ispezione ravvicinata e Live View su LCD per regolare la composizione.

Chi è il tuo Partner Phase One di fiducia e quali vantaggi hai ottenuto da questo contatto?

Ho contattato Digital Transitions di New York per il mio P45+ ed il mio IQ260. Ho sviluppato un legame molto forte con loro. Ritengo che Lance Schad sia sempre molto reattivo, ogni qualvolta io necessiti aiuto tecnico. Un bravo dealer fa la differenza. Adoro il fatto di collaborare con un esperto, che conosca tutti i Pro ed i Contro del software e hardware. Quando presentano i nuovi aggiornamento di Capture One, posso sempre affidarmi al mio Partner, per sapere quando aggiornare la mia versione, considerando il mio flusso di lavoro (sistema operativo, computer ecc). Le parti mobili di un sistema sono molte, ma loro fanno risultare tutto semplice e chiaro. Ve li consiglio vivamente, soprattutto Lance.

Fotografo Jeffrey Totaro 

Fotocamera: Alpa e Phase One 645DF+
Dorso digitale: IQ260

Prova un sistema fotocamera Phase One

Scarica il racconto (PDF) 

Segui Jeffrey Totaro
www.jeffreytotaro.com

TUTTE LE IMMAGINI © Jeffrey Totaro 

Jeffrey Totaro IQ260
Jeffrey Totaro IQ260
Jeffrey Totaro IQ260
facebook share Condividi su Facebook
     
IMMAGINI DI GALLERIA
"...mi scrisse un nuovo cliente, dicendomi che le immagini che avevo appena inviato, risultavano avere la migliore qualità vista fin'ora."
Jeffrey Totaro
Please wait!