• http://www.phaseone.com/it-it/Imaging-Software/Capture-One-Pro-7/Testimonials/Cameron-Davidson-testimonial.aspx
  • http://www.phaseone.com/it-it/Imaging-Software/Capture-One-Pro-7/Testimonials/Cameron-Davidson-testimonial.aspx
Cameron Davidson
Vai alla panoramica
Vai alla panoramica

Cameron Davidson
Ad Alta Quota con Capture One

“Nel 1980, iniziai a lavorare come fotografo di volatili, realizzando il progetto personale sull'Airone Azzurro Maggiore del sud dello stato di Maryland. Mostrai il progetto al Direttore Fotografico di National Geographic, che mi offrì la consistente somma di $1000 per continuare a lavorare al progetto. Correva l'anno 1980, quindi si trattava di una somma sufficiente per pagare alcune cose e costruire un appostamento lungo una ventina di metri su un albero.”

“Negli anni seguenti, continuai a fotografare ancora per National Geographic. Ecco come tutto ebbe inizio...”

Da allora Cameron ha sviluppato un business fotografico di successo e molto variegato, specializzandosi nella fotografia Aerea, Industriale, di Ritratto e lavorando anche nel mondo dell'Ingegneria Civile.

Di base nella città di Alexandria, in Virginia, USA, Cameron lavora con una vasta gamma di piattaforme fotocamera, per fornire sempre la giusta immagine a seconda dei clienti. “Utilizzo sistemi Nikon D800 e D4, Sony RX1, Leaf Credo 60 nel medio formato ed Alpa come fotocamera tecnica. Tutte le mie immagini vengono elaborate tramite Capture One, software che utilizzo sin dalla versione 2.7.”

“Ho provato anche altri elaboratori RAW, ma adoro maggiormente i colori e i toni pelle che riesco ad ottenere con Capture One.“

“Per molto tempo ho sperato nelle Regolazioni Locali e quando nelle ultime versioni le hanno presentate, le ho subito ritenute perfette!”

Ad Alta Quota
L'amore di Cameron per la fotografia aerea inizia già con il progetto sull'Airone e sin da allora, ha sempre trovato ogni scusa per andare a fotografare ad alta quota.

“La fotografia aerea richiede una programmazione meticolosa, ma soprattutto sicurezza”, spiega Cameron. “Fortunatamente, negli USA è molto semplice effettuare questo tipo di lavoro, ad eccezione della città di Washington D.C., per ovvie ragioni!”

“Se ci capita di voler volare a bassa quota sopra il territorio vicino, ci basta contattare l'ufficio dello Sceriffo locale, avvisandoli della nostra presenza. Finché rimaniamo rispettosi e non ci soffermiamo troppo a lungo sulle persone del posto, tutto fila liscio.”

“Prima di partire analizziamo bene le condizioni metereologiche, in modo da avere tutto sotto controllo. Fra un paio di settimane ad esempio effettueremo un servizio fotografico su New York e stiamo già iniziando ad analizzare come andrà a svilupparsi il tempo. Ma capita che cambi anche improvvisamente: Una volta sono rimasto per una settimana a San Francisco ad aspettare che se ne andasse la nebbia sulla città. Utilizziamo database di sottoscrizione che vanno oltre le regolari previsioni meteo, ma a volte adoperiamo anche Weather Pro per iOS, che come strumento non è male.”

Spingendosi oltre i limiti della Fotografia Aerea
Come pilota qualificato, Cameron ha scelto di acquisire la maggior parte delle sue immagini da un elicottero, ma, per il suo prossimo progetto, sta progettando di spingersi oltre i limiti della fotografia aerea, utilizzando Quadcopters comandati da remoto.

L'ultimo progetto personale di Cameron è stato realizzato negli ultimi venti anni, per documentare al meglio la Baia di Chesapeake, progetto che si è concluso con la pubblicazione di un libro. Ora è pronto a partire per un nuovo progetto, con cui andrà a documentare tre molto inquinati fiumi della Virginia. Cameron sta progettando di utilizzare il medio formato per le immagini che andrà a realizzare da terra e fotocamere mirror-less su Quadcopter per gli scatti che acquisirà dall'alto.

“Volare a venti metri circa con un Quadcopter disturba molto meno le persone, i bestiami e la fauna, rispetto a farlo con un elicottero dotato di gigante e martellante turbina. Inoltre, sarà la mia sfida personale per scoprire cosa riesco a fare veramente con la mia fotografia aerea”.

“Prendere in affitto un elicottero costa almeno $900 l'ora e la rete fluviale dista un'ora dal posto. Quindi la flessibilità nell'essere abili di pianificare in tempo le acquisizioni aeree ad un costo ridotto mi permette di limitare meno la mia creatività.”

Le Magie di Capture One 7
L'immagine 1, lo scatto aereo del treno merci a sud della California, mostra come Cameron faccia buon uso del filtro di gradazione, utilizzando lo Strumento Chiarezza in un livello di regolazione aggiuntivo. “Ho iniziato ad utilizzare questa tecnica da poco. Mi permette di evidenziare maggiormente le nuvole in un'immagine.”

Con l'immagine 2, lo scatto notturno su Chicago, Cameron è stato in grado di correggere la prospettiva grazie all'utilizzo dello Strumento Correzione Punti Chiave. “La correzione prospettica ha funzionato in modo ottimale su questa immagine. Fotografare da un elicottero, significa che la mia posizione sia spesso limitante, quindi avere uno strumento come questo di Capture One può essere di grande aiuto.”

Da quando è stato presentato Capture One Pro 7, Cameron sostiene di poter elaborare le sue immagini “tirando fuori molti più dettagli rispetto al passato. Prima non facevo altro che utilizzare direttamente Photoshop senza elaborazione.”

L'immagine 3, che mostra una Favela in Brasile, è un ottimo esempio per dimostrare come per Cameron sia stato molto utile poter utilizzare le regolazioni locali di Capture One Pro 7.

“Ora è un piacere ‘tirare’ l'immagine nel modo in cui dovrebbe essere, e ciò esclusivamente con Capture One.”

Cameron mostra un esempio finale dell'elevato livello di elaborazione di Capture One Pro 7 con l'immagine 4 del 2004 che illustra Potomac River. “Lo scatto acquisito non coincide per niente con il risultato finale ottenuto ora utilizzando questo software. Con un altro software non sarei mai riuscito ad evidenziarne i dettagli dell'immagine allo stesso modo. Questa immagine è stata scattata nel 2004 e oggi sono molto felice di non aver buttato via il file RAW, rielaborandolo con Capture One Pro 7. L'aspetto interessante è vedere quanti dettagli riesco ad evidenziare con Capture One Pro 7, da un file acquisito dieci anni fa, anche confrontando questo file con scatti più recenti. Sono molto felice di poter oggi rielaborare alcuni file scattati molti anni fa.”

Resoconto finale su Capture One
Il resoconto finale di Cameron su Capture One Pro 7 può essere riassunto con il suo commento sul programma Adobe Creative Cloud. “Non mi registrerò mai al programma Adobe Creative Cloud, finché non piangerò utilizzando il mio software o CS 6 non funzionerà più.”

“Adoro Capture One e non ho intenzione di cambiare il mio elaboratore raw.”

Di base a Washington D.C., Cameron Davidson offre con le sue immagini aeree una prospettiva esclusiva sul mondo.

Cameron è anche co-fondatore di www.fusevisual.org, in cui fotografi e creativi condividono le loro idee, elencano gli strumenti e le tecniche utilizzate e offrono consigli ai giovani aspiranti professionisti.

Guarde altre immagini di Cameron su camerondavidson.com

Il Partner Phase One di fiducia di Cameron è Capture Integration   

Cameron Davidson
Cameron Davidson
Cameron Davidson
Cameron Davidson
Cameron Davidson
     
SEGUICI PER RIMANERE SINTONIZZATO SU NOVITÀ, CONSIGLI, PANORAMICHE E GRANDIOSE OFFERTE:
 
     
 Subscribe to newsletter >>